Area Paesaggio

- PAGINA IN COSTRUZIONE -



La Soprintendenza partecipa alla pianificazione paesaggistica ai sensi dell’art. 135 del Codice dei beni culturali e alla dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico ai sensi degli art. 136-140.

Oltre ciò, vigila sulle aree di interesse paesaggistico tutelate per legge ai sensi dell’art. 142 del Codice, fra cui le fasce fluviali, le aree montuose, i territori boschivi e i parchi – riserve nazionali e regionali.

L’autorità di tutela diretta in tema di paesaggio risiede nella Regione o nell’autorità da essa delegata, mentre la Soprintendenza esamina i progetti relativi ad interventi in aree soggette a vincolo paesaggistico a livello di parere di compatibilità all’interno di un procedimento che resta in capo all’autorità di tutela diretta.

Una volta che la Regione o il Comune rilasciano l’autorizzazione paesaggistica la Soprintendenza conserva il potere di annullamento della stessa per questioni di legittimità e di tutela del paesaggio, entro 60 giorni dalla sua ricezione ai sensi dell’art. 159 comma 3 del Codice dei beni culturali.

L'attività di tutela paesaggistica è svolta anche sul territorio regionale: I funzionari architetti hanno la competenza sulla propria zona di riferimento.

Il territorio regionale è stato suddiviso in cinque zone, più l’area della città di Matera a parte (a sua volta suddivisa in tre zone), assegnate ai funzionari di cui all’elenco che troverete sotto la mappa della regione.
Vedi Mappa

Responsabile dell’Area

Arch. Serena TEDESCOicona postaserena.tedesco@beniculturali.iticona tel 0971 489411